Spiagge & Coste

CAPILUNGO

L’intera costa si presenta prevalentemente bassa e rocciosa, i fondali poco profondi con l’accesso al mare veramente semplice per tutti. Sono delle marine poco conosciute, abbastanza tranquille ma frequentate da chi cerca posti più solitari tra le piccole baie rocciose, dove fare il bagno in un mare veramente limpido e pulito. I fondali sono pescosi e ideali per battute di pesca, immersioni o per fare snorkeling. Le marine di Alliste sono un’ottima base di partenza per spostarsi e visitare le localià più movimentate di tutta l’estate salentina: Torre San Giovanni si trova a circa 4 km da Capilungo mentre la città di Gallipoli a circa 8 km. Un altra attrattiva di queste marina è il percorso realizzato sulla scogliera per una distanza di circa 2km e che è molto frequentato da chi pratica sport, bici, jogging e passeggiate. Distanza dalla struttura: 50m

TORRE SUDA

Torre Suda è marina e frazione del comune di Racale, nelle vicinanze di Gallipoli e a 50 km da Lecce, oltre ad essere direttamente a poche centinaia di metri dalla Marina di Mancaversa. Come quest’ultima, quindi, si trova in posizione ideale per raggiungere sia Gallipoli a nord che Torre San Giovanni e Santa Maria di Leuca più a sud. Il nome di questa località deriva dall’omonima torre costiera a forma circolare presente nella zona, alta 13,5 metri e risalente al XVI secolo, facente parte della grande linea difensiva di torri voluta in quel periodo contro le scorribande dei turchi. La torre, una volta che il pericolo turco cessò, fu utilizzata dai locali come cisterna d’acqua e le grandi infiltrazioni che ne seguirono davano al suo esterno l’aspetto di una torre che “sudasse” acqua ed è a questa seconda fase che risale l’origine del nome. La macchia mediterranea è molto presente, regalando spettacoli di vegetazione spontanea nei pressi della costa, come ulivi, piante particolari, fiori, tra cui, ad esempio, vi mostriamo il bellissimo girasole nell’ultima foto in basso. La costa è rocciosa, costituita però da basse scogliere piuttosto piatte e levigate, facilmente accessibili ed in cui si possono portare con relativa tranquillità anche i più piccoli. Il mare si presenta molto trasparente. Distanza Approssimativa: 1500m

MANCAVERSA

Mancaversa è la marina di Taviano, da cui dista appena 5 km, e si affaccia sullo Ionio poco più a sud di Gallipoli. Il nome si dice che derivi dal fatto che i pescatori gallipolini definivano in tale maniera la parte di costa sul versante sinistro dopo Punta Pizzo, e quindi mancino (versa-manca, da cui Mancaversa). Un’altra ipotesi è che il significato derivi dal termine dialettale baccaversa, cioè “barca rivoltata”. A favorire quest’ultima etimologia è anche un documento del 1920 di Cosimo De Giorgi, noto geografo locale del tempo, dove si riferisce alla località come “Baccaversa”. La costa è fatta prevalentemente di bassa scogliera facilmente attraversabile per il mare e dove volendo si può restare per prendere il sole. Vi sono poi anche due piccoli tratti sabbiosi, di cui il maggiore è conosciuto come “Mancaversa dei Cavalli”. La forma di questa caletta ricorda proprio quella di una staffa di cavallo ed è più indicata per andarci con i più piccoli. Se amate gli spettacoli paesaggistici, passate le ore del crepuscolo nel tratto costiero che da Mancaversa porta al vicinissimo Posto Rosso, ammirerete dei tramonti di rara bellezza! La particolarità è che sembrano durare molto più della media e il sole sembra ravvicinarsi diventando un enorme disco rosso all’orizzonte. Specialmente ad Agosto si tengono frequentemente feste e sagre che catturano l’attenzione dei paesi limitrofi, tra cui ricordiamo la festa dello spumone, la sagra del panino extralungo e Mancaversa in fiore, evento che richiama l’importanza della cultura dei fiori nei dintorni, attività per cui è rinomata la stessa Taviano. Ma frequentemente si tengono anche altre manifestazioni come concerti, cinema all’aria aperta e spettacoli teatrali. Distanza Approssimativa: 2500m

TORRE SAN GIOVANNI

Torre San Giovanni è la Marina di Ugento e ne è diventata frazione. In pochi anni da piccolo borgo di pescatori è stata trasformata in una vivace stazione balneare a vocazione turistica, tra le più frequentate nel sud Salento da giugno a settembre. Tanto che in estate questo piccolo centro circondato dalle pinete cambia del tutto le sue sembianze, per la presenza di numerosi turisti attratti dalla bellezza ineguagliabile del suo mare. Il nome di questa località è dovuto alla presenza di una Torre costruita nel 1563 che in origine è servita a sorvegliare questo tratto di costa dagli attacchi di forze straniere. Nella stessa zona sono venuti alla luce i resti del porto romano di Auxentum (attivo durante il IV-II secolo a.C. come scalo militare) e, di fronte a un isolotto conosciuto come Isola delle Pazze, le tracce di un insediamento preistorico, risalente alla prima età del Ferro. In ogni caso la sua storia è antica quanto la città di Ugento ed infatti oltre al porto romano sono stati rinvenuti anche qui i resti di mura messapiche del VI secolo a.C. che fanno intuire l’importanza di questo porto nel rifornire Ozan (Ugento), quello che è stato forse il più importante centro messapico di sempre. Fuori dai villaggi turistici, la frazione non ha un centro storico, essendo stata ripopolata nel Novecento, ma non manca un corso in cui durante la stagione estiva si svolgono concerti, eventi, sagre e si passeggia. Non mancano in ogni caso nemmeno le più comuni attività commerciali come pizzerie, bar, pasticcerie, ristoranti e trattorie. Non vi sono negozi importanti per lo shopping, ma potrete apprezzare la maggior tranquillità rispetto ad altri centri dello Jonio come ad esempio Gallipoli, godere dell’affascinante vista del porto e dei locali enogastronomici di qualità. Il paesaggio che si può ammirare a Torre San Giovanni è molto suggestivo: una folta fascia di pineta si estende fino alla spiaggia, fine e bianca, e basse dune rigogliose di macchia mediterranea proteggono l’entroterra fino al mare. Il mare lungo la spiaggia è basso, simile a una grande piscina naturale e per chi lo vede per la prima volta è una vera sorpresa per la sua bellezza. Volendo, si può restare all’ombra dei pini nei pressi del mare, per avere un’ombra ristoratrice durante le più calde ore del solleone estivo. Distanza Approssimativa: 5km c.a

LIDO PIZZO -GALLIPOLI-

Se pensate che Gallipoli sia “solo” 20 km di litoranea, affollati da stabilimenti balneari super attrezzati e fashion (di giorno e di notte), vi sbagliate. C’è molto di più: oltre 700 ettari occupati dal Parco naturale regionale Isola di Sant’Andrea e litorale di Punta Pizzo, istituito nel 2006. Un’oasi di pace e natura incontaminata, un angolo nascosto e lontano dal caos della movida gallipolina. Anzi, sono due le zone protette: l’isola di Sant’Andrea, a circa un miglio dal centro storico, e quel tratto di litoranea sud fra località “Li Foggi”, “Punta della Suina” e “Torre del Pizzo”. La prima area “esclusiva” è da contemplare da lontano, fermi sull’antica isola calcarea che ospita la città vecchia. Oppure raggiungetela, approfittando delle escursioni in barca organizzate, per poter osservare da vicino e percorrere quei 50 ettari in cui l’ospite speciale è il gabbiano corso, rara specie animale che nidifica qui. Ma non è l’unico “abitante”di oggi: c’è il noto faro, presente dalla fine del 1800 e ristrutturato più volte. In passato, invece, vi pascolavano le greggi, grazie ad un’antica fonte di acqua dolce. Se fissate bene l’attenzione, però, non vi sfuggiranno, di certo, neanche le tracce di insediamenti risalenti addirittura all’età del bronzo. Continuate, poi, ad ammirare la bellezza “rara” di Gallipoli recandovi sulla litoranea che da Mancaversa porta fino alla “perla dello Ionio”, seguendo le indicazioni per Lido Pizzo. La costa è frastagliata, un misto di sabbia e scogli, e sullo sfondo c’è una fitta pineta popolata dalle piante tipiche della macchia mediterranea: siamo a Punta Pizzo, anticamente difesa da un presidio borbonico, ancora visibile. Distanza Approssimativa: 8km